Educatori BIPOC: quando si tratta di Diversità, Equità e Inclusione, non possiamo (e non dobbiamo) tacere.

Preparare e Pagare gli educatori BIPOC per il loro lavoro DEI. I team DEI basati su volontari spesso ricreano le disuguaglianze a cui sono progettati per affrontare. Ecco come fare meglio.

Apparentemente, la legislatura statale di questo nostro bel paese, sembra interessarsi al razzismo strutturale e, dal gran vociare, tenta di discutere al fine di cambiare il sistema. Apparentemente. La realtà è un’altra. Ci sono piccoli e grandi ostacoli, che si piazzano davanti al reale tentativo di noi  educatori di impegnarci, sinceramente, sul razzismo strutturale e sulla supremazia bianca in questo paese. Ogni tentativo di  incorporare un curriculum inclusivo e un profondo lavoro sulla diversità, l’equità e l’inclusione, attraccano, inevitabilmente, su porti poco edificanti e dalle pretese più assurde.

 

Ho trascorso gli ultimi anni della mia vita, circa 15, lavorando per rendere le iniziative di diversità, equità e inclusione una realtà per le scuole, le organizzazioni e le Aziende di tutto il paese. È stato un viaggio in cui ho imparato a trovare la mia voce.

 

 DEI (Diversity, Equity and Inclusion – Diversità, equità e Inclusione), è un termine gradito da alcuni e frainteso da molti, utilizza i dati per creare cambiamento. È una strategia incentrata sulle persone che crea ponti all’interno e tra le comunità per promuovere una cultura di rispetto, fiducia e comprensione. Diversità, equità e inclusione non dovrebbero essere solo parole d’ordine. Dovrebbero essere concetti intenzionali e deliberati, incentrati sulle esperienze vissute e sulla cultura delle persone, aiutandoli a diventare il loro sé migliore e più autentico. La strategia significativa della DEI non si basa solo sulle conversazioni; è basato sull’azione. È ancorato alla consapevolezza che le persone di colore in questo paese hanno esperienze di vita notevolmente diverse in base al colore della loro pelle e al loro paese di origine.

 

Il mio viaggio nel lavoro della DEI è più che personale. Ho sempre cercato di costruire ponti tra le diverse comunità e, in qualità di insegnante, ho sempre incoraggiato i miei studenti di colore (diverso dal bianco), a dibattere, discutere e confrontarsi su argomenti riguardanti razza, classe e privilegio e su come potevano assumere il controllo della loro istruzione e delle loro esperienze educative in un mondo in cui queste cose contano moltissimo. Il mio obiettivo è sempre stato quello di aiutare a guidare il cambiamento organizzativo nelle scuole (visti gli aspetti lacunosi di cui sono carenti in questa materia) ed ero entusiasta all’idea di creare spazi inclusivi in ​​cui gli studenti non sentissero di dover nascondere chi erano. Attraverso lo sviluppo equo dei sistemi, ho cercato di creare uno spazio in cui gli studenti sapessero cosa aspettarsi e avessero uno spazio sicuro per imparare e prosperare.

 

Abbonati a Métissage Sangue Misto’s ACADEMY per l’Articolo completo.

 

 

Su questo nuovo articolo di Métissage Sangue Misto’s ACADEMY troverete stimoli per:
1) lavorare seriamente con il concetto di equità
2) Steps per incorporare la voce degli studenti nelle decisioni a livello scolastico
3) Steps per onorare la conoscenza e l’esperienza di BIPOC nel vostro team
4) Steps per preparare il personale per iniziative di diversità, equità e inclusione.
5) Steps per avere conversazioni difficili sul tema DEI
6) Steps su come curare le risorse antirazziste

Archivio