Padronanza genitoriale consapevole© . E’ in arrivo una nuova guida firmato Métissage Sangue Misto Educational.

Una guida per crescere ed educare bambini consapevoli delle proprie culture, tradizioni e razza.

 

Pensavo che una casa amorevole sarebbe stata sufficiente per il mio bambino birazziale“. Così parte la riflessione di moltissimi genitori impegnati in una relazione interrazziale.

 

Sì! In parte è vero. Ogni neo genitore accoglie nella propria casa il nuovo arrivato, sperimentando qualcosa di assolutamente nuovo e fondamentalmente importante. Realizza come l’invisibilità dell’amore di coppia si sia concretizzato e sia diventato visibile nelle fattezze di un bambino. Come spesso si dice, “L’arrivo di un figlio ti cambia la vita”, ed è quello che tutti i genitori, parola più, parola meno, esprimono in un momento cruciale nella loro vita. E non esagerano se si considera che il nido familiare è un microcosmo a sé, dal quale spesso deriva gran parte della nostra felicità: un luogo dove si ha la certezza di essere al sicuro e in cui trovare la forza per affrontare momenti difficili, ma anche fonte di gioie tra le più appaganti che la vita possa offrire, quali riunirsi con la persona amata e diventare, appunto, genitori. Qui sperimentiamo il modo in cui cambiano le abitudini e si provano sentimenti sconosciuti. E questo è già un gran bel lavorone.

 

Se a tutto questo trambusto aggiungete il fatto che il bambino è nato da una coppia portatrice di due o più culture diverse tra loro, si innescano differenti tipi di responsabilità e di consapevolezza, che vanno assolutamente recepiti, cullati e valorizzati, in tutta la loro ampiezza.

 

Se oltre alla diversità di cultura, vi è anche una diversità razziale, la sfida diventa ancora più tosta e richiede una capacità di comprendere, in tutte le sue pieghe più nascoste, l’importanza ed il privilegio di questo dono.

 

Per fare questo, però, l’universo familiare deve essere il più equilibrato possibile, in modo che anche tutti gli altri aspetti della vita ne possano giovare di conseguenza. Vivere in un ambiente sereno ci rende più tranquilli nell’affrontare le avversità: tornare a casa dopo una giornata difficile e trovare il calore e la “confusione” dei propri figli è un’emozione indescrivibile.

 

 

La realtà, però, troppo spesso è deludente, presi come siamo dai nostri problemi personali, dalle mille corse per riuscire a portare a casa un tozzo di pane o perché ci facciamo ingurgitare dal tempo che passa, senza nemmeno averne la consapevolezza. E così finisce che entriamo in un loop mentale, dove lo stress, la frustrazione e le nostre fragilità trovano il terreno più fertile per sfogare tutte le nostre insicurezze sui nostri figli.

 

In una famiglia multirazziale, tutto questo si moltiplica, se non triplica e cercare di trovare la forza e serenità per poter porvi rimedio, diventa una corsa sulla ruota del criceto, contro il tempo e contro la forza di gravità.

 

Chi di noi, tra le famiglie multirazziali, non ha sperimentato microaggressioni di diverse fattezze, dalla security che ci segue per tutto il supermercato, alla vecchietta di contrada che si stringe la borsa appena le siamo vicine o la polizia che indaga un po’ più del solito se siete al volante, perché avete un fare sospetto ed una famiglia un po’ “diversa”? La rabbia e la frustrazione che deve affrontare, quotidianamente, chi è il componente “diverso” della famiglia è sbalorditiva e, inevitabilmente si ripercuote sui ragazzi. La diversità non è solo una cosa “bella” (uno slogan tanto bello quanto dannoso), ma influenza l’essenza stessa di chi è e di come vive la nostra famiglia, dove andiamo, chi incontriamo, dove lavoriamo… Sottolineare l’essenza stessa del perché la diversità sia importante e perché la rappresentazione sia importante, diventa fondamentale perché il luogo che scegliamo di chiamare “casa” è inevitabilmente il luogo in cui ci sentiremo più a nostro agio. Il luogo in cui possiamo rilassarci pensando di essere al sicuro, di essere accettati. I nostri bambini notano il colore. Notano la differenza. Sento spesso la frase, “siamo tutti solo parte della razza umana” e vorrei che fosse così semplice. E lo capisco. Se vivessimo in un mondo perfetto in cui le norme sociali, il potere e i privilegi non fossero strutturati così tanto sulla razza, allora sarei d’accordo con quella frase. Ma i nostri figli notano queste cose. Ed è il momento di rendercene conto.

 

 

La figlia di otto anni di una mia  amica, l’altro giorno, va dalla mamma e dice che vuole fare l’insegnante da grande. Pochi giorni dopo, è venuta da me, dopo averci pensato ulteriormente, e mi chiede perché non ci  sono insegnanti con la pelle marrone nella sua scuola. E’ chiaro il suo processo mentale. Non si è sentita rappresentata. Ecco che necessita un intervento precoce in cui i genitori cerchino intenzionalmente luoghi e libri, film e comunità che assomiglino a loro e alle loro famiglie, in modo che i nostri figli non vengano esposti solo a una visione unidimensionale del mondo. E questo, inevitabilmente, vale sia per i bambini bianchi, che per quelli marroni, che per quelli neri e orientali. Tutti i nostri figli hanno bisogno di diversità nelle loro vite, per comprendere  che c’è più di una sola narrazione. Ed esporre i bambini a una comunità diversificata richiede uno sforzo enorme, a cui noi genitori non dobbiamo sottrarci. In qualsiasi momento, dobbiamo essere consapevoli  che i nostri figli potrebbero perdere la fiducia in chi possono essere, perché sono circondati da immagini e da un mainstream  che mostra loro una prospettiva diversa.

 

 

 

Da questa esperienza e da pregresse esigenze di genitori ed educatori di bambini e ragazzi multirazziali e multiculturali, è nata questa guida, pensata per aiutare i genitori a comprendere le dinamiche più profonde che determinano i comportamenti e la personalità dei loro figli. Li aiuta a conoscere quello che favorisce e quello che impedisce il loro sviluppo. Li aiuta a diventare protagonisti della formazione dei figli e ad acquisire sicurezza, efficacia e stabilità nel loro intervento educativo, senza tralasciare la cosa più importante: le loro caratteristiche culturali e razziali. Ed a fare questo senza il timore di commettere  errori, creare offese o incorrere nello yo-yo della cultura dell’annullamento (cancel culture). Molti genitori di bambini Mixed affrontano queste paure, oltre a un profondo bisogno di proteggere ed educare i propri figli. Altri sono semplicemente presi alla sprovvista quando l’imprevisto emerge sotto forma di pregiudizi non elaborati o cambiamenti culturali. Questa guida è un laboratorio esperienziale “pratico” che ti guida attraverso una struttura che supporterà le identità dei tuoi figli e ti aiuterà a sviluppare una comprensione più profonda dei problemi che affrontano nel mutevole clima razziale di oggi. Ti offre l’opportunità di migliorare la comprensione di argomenti specifici, acquisendo, al tempo stesso, gli strumenti necessari per applicare tale comprensione di situazioni di vita reale.

 

 

E’ un’impostazione educativa originale e nuova che si basa sui meccanismi naturali che formano la personalità del bambino bi-multiculturale e bi-multirazziale, e ne favorisce la maturazione in modo armonico e completo. In questo modo i genitori possono diventare i primi insegnanti dei loro figli e attuare la formazione di base che li preparerà alla vita. Una guida dove si sottolinea la rilevanza di parlare ai propri figli birazziali delle molteplici culture e identità che costituiscono chi sono, a costo di venire accusati di parlare troppo (forse fino alla nausea) di razza e identità. Ignorarlo e sperare che non diventi un problema è assolutamente il messaggio sbagliato che dobbiamo dare ai nostri figli. Una guida dove si incoraggia i nostri figli ad essere sicuri di chi sono, a resistere alla percezione che gli altri hanno di loro e che non si sposa con la propria esperienza, e ad abbracciare tutte le parti che compongono la loro identità. Riconoscendo il fatto che tutto cambierà nel tempo, e loro saranno in perenne evoluzione, insieme alla loro identità, mentre esplorano la loro profonda essenza. Una guida dove il vostro atteggiamento, nei loro confronti, può fare la vera differenza.

Attraverso questo percorso scoprirai tutto ciò che devi sapere sulla genitorialità consapevole e come sfruttarla per superare le tue sfide genitoriali mentre cresci tuo figlio bi-multirazziale nel modo più autentico. La Guida offre  la prima tabella di marcia, passo dopo passo, per evolvere la tua relazione tra te genitore e  tuo figlio, nelle vostre diversità sostanziali. Attraverso una serie di strumenti e strutture mentali, scoprirai come concentrarti prima verso le caratteristiche che compongono l’identità di tuo figlio e poi sfruttare la tua capacità di empatia e comprensione, per affrontare le sfide genitoriali più complesse,  in ogni fase della sua crescita. Conoscerai i fattori che si inseriscono all’interno della coppia, della famiglia e dell’essere genitori, poiché risulta di estremo interesse, nell’attuale momento storico, sviluppare una maggiore consapevolezza riguardo la vasta gamma di elementi e difficoltà contemporanee della coppia di oggi, soffermandosi in particolare su nuove modalità genitoriali più funzionali, come ad esempio la co-genitorialità.

 

PER CHI E’ QUESTA GUIDA?

 

 

 

La guida è pensata per tutti coloro (genitori, educatori, nonni, tutori, professionisti ….) che intendono acquisire conoscenze e competenze, a scopo personale o professionale, riguardanti lo stato e l’evoluzione di una famiglia bi-multi razziale e bi-multiculturale, così da poter riconoscere le proprie modalità relazionali attuate, sviluppare una maggiore consapevolezza e per poi utilizzarle nel proprio ambito di competenza. E’ dedicato a coppie interrazziali, sposate o non sposate, individui BIPOC e non-BIPOC che si intersecano con individui e adulti auto-identificati di razza mista o bi-razziale, e che desiderano esplorare ulteriormente le loro identità. E’ dedicato anche a genitori bianchi (mono-genitoriali o meno) alle prese con i propri figli Mixed.

 

Le domande da farti prima di iscriverti

 

Metti mai in discussione le scelte che fai come genitore?

 

Ti preoccupi mai che tuo figlio possa ereditare le tue stesse insicurezze e debolezze?

 

E ti senti mai sopraffatto dalla miriade di opinioni contrastanti su ciò che rende un genitore buono ed efficace?

 

Come fai a dire ai tuoi figli che un giorno potrebbero essere trattati in modo diverso da te a causa del colore della loro pelle?

 

La tua strategia genitoriale si basa su queste convinzioni?

 

  • NON sei razzista?
  • NON vivi in ​​una comunità razzista?
  • I tuoi genitori e amici accettano il tuo partner e la tua relazione di razza mista?
  • Puoi parlare apertamente di problemi razziali con il tuo partner?
  • Sei disposto a difendere i tuoi figli?
  • Ti concentri sui punti di forza e riduci al minimo le differenze?

 

Sei genitore colorblind (non vedi il colore della pelle delle persone) e speri per il meglio?

 

 

Quanto sei pronto davanti ai problemi che inevitabilmente insorgeranno? Sai che cosa significhi:

 

  • l’identità nera
  • l’identità bianca
  • Crescere bambini con diverse fattezze razziali.
  • Il White Passing (passare per bianchi?).
  • Il Colorismo
  • Comprendere gli effetti del post-colonialismo e il suo impatto sul trauma culturale e sull’identità collettiva.
  • Conoscere il sistema di pregiudizi sociali che colpiscono i membri della famiglia in modo diverso.

 

Se le tue risposte non superano la metà dei quesiti, direi che è ora di fare un piccolo ripasso. Un genitore preparato è un genitore sicuro. E sicuro sarà ciò che trasmetterà al proprio figlio.

 

 

 

PERCHE’ SCEGLIERE QUESTA GUIDA?

 

Prima di tutto perchè è una guida scritta da una persona Mixed, che ha vissuto in una famiglia bi-razziale, bi-culturale e pluri-identatario. In secondo luogo è stata scritta da una persona che ha avuto il grande privilegio di stare in contatto, equilibratamente, con tutte le sue culture, perchè vissuta, contemporaneamente in due realtà e contineneti completamente diversi tra loro.

 

Poi, perché è una guida unica nel suo genere, in cui si trattano argomenti dei quali, la maggior parte degli individui fa fatica ad affrontare, per paura di commettere errori o di offendere. Il processo del workshop ha lo scopo di consentirti di spaziare, liberamente, sui punti dolenti o anche sulle aree in cui hai molti dubbi. Ti esporrò come crescere bambini con un aspetto o designazione razziale diversi dal proprio, presenti alcune sfide uniche. Di come le fonti tradizionali di informazione sulla genitorialità, in generale, o sull’affrontare questioni razziali, siano insufficienti, perché tendono a soddisfare gli aspetti monoculturali della razza e sono discusse all’interno di una struttura binaria in bianco e nero. Tratterò di come il trauma razziale presenta e coprirà la gestione dei pregiudizi impliciti e l’elaborazione di alcuni dei diversi modi in cui gli individui di razza mista integrano le loro identità che si intersecano. Lavoreremo anche su un piano di retaggio e dinamiche culturali che riflettano i principi e la guida per la tua famiglia.

 

Il workshop NON è una lezione, ma un’esperienza. Come per tutti i nostri workshop, l’obiettivo è trasmettere un’esperienza di trasformazione in modo da consapevolizzarti sulla tua capacità di diventare un agente di cambiamento attivo e un genitore, educatore,  parente o amico più inclusivo!

 

Ti racconterò di come non solo i genitori sono colti di sorpresa quando emergono problemi più tardi nella vita, ma come molti bambini Mixed non affrontino i problemi della loro identità razziale, fino a quando non sono con i coetanei o fino all’età adulta. Questa può essere un’esperienza asfissiante, per alcuni. Prepararsi a queste questioni in anticipo non è solo una questione per evitare crisi successive, ma rappresenta un’opportunità per tutti i membri della famiglia di sperimentare la gioia e la stabilità di una vita centrata e un’identità autentica. Ed ancora, ti illustrerò come l’identità sia modellata dalla famiglia: la lingua, le osservanze religiose e persino il modo in cui interagiamo con gli altri. Tutto sistematicamente costruito dall’ambiente esterno e imposto all’individuo.

 

 

COSA IMPARERAI IN QUESTA GUIDA?

 

Imparerai a :

 

  • Avere un consapevole senso del ruolo genitoriale e come allenarlo. Diventare edotto della tua azione educativa per consolidare un rapporto efficace e sincero con il tuo bambino, rispettando le sue differenze culturali;

 

  • Apprenderai l’abilità di saper osservare i vari processi di apprendimento del figlio per poter sviluppare la sua autonomia e iniziare così un processo di autoeducazione;

 

  • Metterai in atto nuovi principi educativi;

 

  • Ad instaurare una relazione più armoniosa con tuo figlio;

 

  • Ad essere un genitore meno apprensivo;

 

  • A differenziare gli stili comunicativi tipici della famiglia, in un contesto multiculturale;

 

  • Ad acquisire conoscenze storico teoriche sull’evoluzione della psicologia di una famiglia multiculturale;

 

  • A conoscere i bisogni emotivi dei propri figli multirazziali, di fronte a problematiche come i pregiudizi, gli stereotipi e al fatto che tendono a sviluppare un’identità razziale “di minoranza”, in pubblico, pur mantenendo un’identità interrazziale privata con la famiglia e gli amici;

 

  • A capire come gestire i conflitti;

 

  • Come assicurarsi che i tuoi figli si sentano bene nella la loro doppia cultura e come seguirli nella loro evoluzione;

 

  • Come rafforzare la loro identità positiva della loro complessità;

 

  • Come preparare i tuoi figli al bullismo razziale;

 

  • Il fenomeno del colorismo nella comunità nera, del white passing e del white privilege;

 

  • L’importanza della rappresentazione, in generale e nei giochi;

 

  • Perché il tema della diversità è importante nel luogo che chiami casa;

 

  • Tenere la mente aperta, anche sul fatto che l’identità etnica dei tuoi figli è diversa dalla vostra. Ma diverso non deve essere negativo o alienante;

 

  • Suggerimenti per genitori bianchi che allevano figli Mixed, con falsi concetti di colorblindness o senza un sano senso della loro identità etnica. Guidarli nella consapevolezza che il bambino, prima o poi, ne soffrirà. E allo stesso modo, suggerimenti per  un genitore nero che alleva un bambino che sembra bianco o etnicamente ambiguo, in modo che non gli dia solo una narrativa etnica con cui vivere;

 

  • Suggerimenti per genitori separati o divorziati sull’importanza di indurre il proprio figlio ad abbracciare tutti i componenti delle loro origini. I bambini multirazziali costretti a scegliere un’identità monorazziale tendono a soffrire di questa non-autentica espressione di sé. I coniugi che si interessano al background culturale del coniuge saranno più preparati per insegnare ai figli tutti gli aspetti della loro eredità in caso di divorzio. L’importanza di familiarizzare con i costumi, le religioni e le lingue che giocano un ruolo nel background del tuo coniuge. Di scegliere una scuola che celebri la diversità culturale. L’importanza di comprendere come i bambini multirazziali in famiglie divorziate possono avere maggiori difficoltà ad accettare e valorizzare le culture di entrambi i genitori;

 

  • Creare la migliore esperienza educativa possibile per i bambini multirazziali collaborando con le istituzioni scolastiche ed adottando alcuni accorgimenti fondamentali per il loro sviluppo.

 

CHI E’ LA VOSTRA MENTOR

 

Sono Luisa Casagrande, la vostra Mentore, certificata presso la Scuola Italiana di Mentoring, figlia Mixed di genitori di diverse culture e razze, cresciuta, equilibratamente tra due realtà completamente diverse, quella Italiana e quella Nigeriana. L’esperienza di essere cresciuta a cavallo di due culture, ha stimolato la mia curiosità ancora in età adolescenziale, quando ho iniziato a esplorare la mia identità di persona mista. La mia ricerca sull’argomento, unita alla mia passione per la divulgazione, è culminata in un Progetto e un Blog (www.metissagesanguemisto.com) con un focus sulla genitorialità di ragazzi misti, sull’evoluzione identitaria di noi Mixed e sul mondo del meticciato in generale. Il mio viaggio in questo paradigma genitoriale, radicalmente nuovo, è nato dalla mia stessa esperienza come genitore. Sto, infatti,  crescendo tre figli Mixed e affronto ogni singolo giorno il viaggio di essere in una famiglia Mixed, sicuramente diversa dalla famiglia Mixed in cui sono cresciuta io.  Nel mio viaggio di Mentor, affronto la complessità dell’identità multirazziale, con l’interesse particolare di fornire un quadro che alimenti e normalizzi questa identità.

 

Il mio approccio è quello di stabilire una connessione tra identità e oppressione, ma l’identità è intrinsecamente legata al modo in cui esistiamo negli spazi pubblici che sono razzializzati, indipendentemente dal fatto che le persone parlino o meno di razza o razzismo. Non è difficile aver assorbito i messaggi che celebrano la vita colorblind, specialmente quando l’identità di Mixed è spesso annunciata come una manifestazione di progresso in una società “melting-pot“. Sebbene l’identità di Mixed non sia certamente una traiettoria inevitabile verso la miseria (come vorrebbero farci credere concetti come il Tragic Mulatto“), il mio lavoro aiuta i partecipanti a comprendere l’identità nel contesto di genere, classe, luogo e questioni strutturali più ampie, non sempre previste quando ci innamoriamo e pensiamo di allevare famiglie.

 

 

Sono Tutor, da una quindicina di anni, di ragazzi con difficoltà di apprendimento (DSA), bisogni educativi speciali (BES)  e di attenzione e iperattività (ADHD). Nel  progetto Métissage Sangue Misto, c’è uno spazio Educational, dove mi occupo di consapevolizzare e responsabilizzare i figli, che non si  sentono compresi e supportati, ed i genitori, che non sanno come agire nei loro confronti, con l’obiettivo di affrontare le tematiche relative alle difficoltà di apprendimento, alla comunicazione con i figli e alla gestione degli aspetti scolastici. Inoltre mi occupo della complessità dei ragazzi che entrano nel vortice della dispersione scolastica, cercando di capire insieme quale siano gli agenti bloccanti e quale possono essere le loro vere aspirazioni ed i loro veri talenti.

 

 

 

E’ certamente difficile fare questo lavoro senza spacchettare le mie identità che si intersecano. Parte della mia vulnerabilità è stata, per lungo tempo,  esporsi alla temuta domanda del “cosa sei?” Quel terrore e tutto ciò che ha generato, hanno fornito il giusto impulso a questo workshop e ad alcuni dei miei altri lavori associati all’identità multirazziale/multietnica, esplorando lo sviluppo dell’identità individuale o lavorando con coppie interrazziali e/o ragazzi e adulti Mixed. E’ chiaro che è difficile sentirsi realizzati se la tua vita sembra caotica. Non sorprende che i nostri stati interni spesso rispecchino ciò che percepiamo esternamente. Lavoreremo insieme in un ambiente favorevole per imparare modi per migliorare il pensiero organizzato.

 

 

Questa guida uscirà ufficialmente a Settembre, ma puoi pre-ordinarlo ora, assicurandoti uno sconto sul prezzo di uscita.

 

In questa guida, condividerò con voi strategie e abilità per lo sviluppo di un’identità stabile basata sulla teoria, la pratica e il cambiamento di forma della mia esperienza vissuta all’interno di una famiglia multirazziale e in diversi paesi. Riceverai supporto e un follow-up di domande e risposte giorni dopo il workshop, oltre che la possibilità di interagire nella Community riservata, partecipando a discussioni pertinenti, relative all’autenticità, al privilegio, all’intersezionalità, al colorismo e tutto ciò che fa parte del mondo Mixed, per aiutare te a navigare nel tuo spazio famigliare mentre i tuoi figli maturano fino all’età adulta, favorendo un senso di appartenenza e inclusione. L’obiettivo è di restituire a te genitore un maggior senso di efficacia e di competenza nel proprio ruolo, sia da un punto di vista educativo che relazionale.

 

 

 

Se vuoi saperne di più, connettiti con me e segui il mio Blog e le mie varie pagine Social, da Instagram, a Facebook, oltre alla nostra comunità online, dove esercitiamo le questioni sull’identità, sulla cura del nostro sé multiculturale, e sul cambiamento sociale. Il gruppo è composto da individui di diversa estrazione interessati al tema e offre un’opportunità di ulteriore apprendimento ed esplorazione, oltre che uno spazio sicuro in cui tutti possono parlare liberamente di questioni razziali e porre domande.

 

 

LA GUIDA

 

Il workshop è composto da una parte teorica con informazioni aggiornate + una parte pratica con esercitazioni e laboratori per approfondire e integrare gli spunti proposti.

 

Sei tu a scegliere quanto tempo dedicate al corso. Il tempo medio richiesto per ogni tema è di circa 20/30 minuti al giorno.

 

Per favorire l’apprendimento, consigliamo di dedicarsi ad un capitolo ogni 2 giorni, in modo da affrontare gli argomenti con una cadenza programmata piuttosto che tutto in una volta.

Questo:

  1. facilita l’assimilazione dei contenuti;
  2. consente di metterli in pratica fin da subito;
  3. permette concretamente l’integrazione in famiglia di un modello educativo e relazionale più sano, sereno e responsabile, giorno dopo giorno.

 

E’ più efficace impegnarsi 20 minuti al giorno, piuttosto che buttarsi a capofitto un paio d’ore per leggere e svolgere tutto e poi dimenticare ciò che è stato appreso nel giro di poche settimane.

 

COME USARE LA GUIDA

 

La Guida ha l’obiettivo di darti informazioni aggiornate sulla crescita dei bambini/ragazzi multirazziali e multiculturali, sulla relazione Genitori/Figli e su un tema specifico. Grazie ai laboratori avrai l’opportunità di smuovere profondamente le tue convinzioni e le tue credenze rispetto alla relazione e al tuo approccio educativo. Fin dal primo giorno potrai sperimentare concretamente nella tua famiglia, le informazioni e gli spunti proposti nel corso. Puoi partire dal tema che preferisci, da quello che senti più urgente in questo momento per la tua famiglia. In qualsiasi momento  potrai decidere se proseguire il percorso con gli altri temi. Per oltre 3 mesi, investendo pochi minuti al giorno, avrai la possibilità di immergerti fino in fondo nell’approccio di Educazione Responsabile

 

 

 

HAI DECISO DI IMMERGERTI UN QUESTA GUIDA? ECCO COSA FARE

 

Step 1.  ISCRIVITI qui alla nostra newsletter

Step 2. PRENOTA E PREORDINA la tua copia PDF o VIDEO di questa Guida a: [email protected] oppure tramite la pagina Facebook di Métissage Sangue Misto, entro il 31 Agosto 2021. Così facendo ti assicurerai la guida ad un prezzo scontatissimo.

Step 3. Appena ricevuta la vs mail di prenotazione, vi verranno inviati tutte le modalità di pagamento i termini per scaricare la dispensa.

Step 4. Una volta ricevuta la Guida, studiatela come suggerito in “come usare la guida” e metti subito in pratica ciò che hai assimilato.

 

 

Buon studio!

 

P.S: Hai mai pensato di sostenere noi ed il nostro immenso e incisivo lavoro di cambiamento e educazione dei nuovi parametri che determinano le nuove famiglie? Potrete esternare concretamente il vostro apprezzamento cliccando l’immagine qui sotto o direttamente qui:

 

GRAZIE!!

Archivio