Sei esperto di diversità culturale? Allora conosci l’importanza delle competenze trasversali nell’adattamento alla “nuova normalità”.

Come Métissage Sangue Misto, con i suoi Mentorship Programs, lavora su una comune sfida di comunicazione interculturale e cross-culturale, per creare una perfetta unione in un'era di diversità.

 

In che modo le competenze culturali e le competenze trasversali possono aiutare le persone e le organizzazioni ad adattarsi alla “nuova normalità”? Perché è importante comprendere i valori, le convinzioni e le abitudini commerciali di un’altra cultura quando si interagisce in un ambiente completamente virtuale? Métissage Sangue Misto prova a condividere alcuni aspetti dei propri programmi di Mentoring Culturale.

 

Esperto di cultura” si riferisce alla capacità di riconoscere i fattori culturali che influenzano i pensieri e i comportamenti delle persone e di utilizzare queste informazioni per modificare il nostro approccio quando interagiamo con gli altri. Man mano che aumentiamo la nostra esposizione agli ambienti virtuali, è più probabile che interagiamo con una forza lavoro multiculturale. Pertanto, i professionisti devono sviluppare costantemente le loro competenze interculturali e inizia con la consapevolezza delle nostre influenze culturali. Forbes ha recentemente aggiornato il suo elenco di “abilità necessarie per avere successo” ed ha incluso la consapevolezza e la sensibilità culturale.

 

Queste abilità non sono di natura trasformativa, ma evolutiva. Richiedono tempo ed esperienza per migliorare. Ci sono molti modi per esercitare le nostre competenze culturali. Uno è attraverso il cambio di stile, che è la capacità di adattare il nostro approccio per essere in linea con lo stile preferito di coloro con cui interagiamo. Ad esempio, tendi a mostrare interesse in una conversazione interrompendo qualcuno mentre sta parlando, un approccio comune in molti paesi, e sei in riunione con un collega che impiega molto tempo per formulare pensieri e posizioni su un determinato argomento. In questo caso, potresti  evitare di interrompere, essere paziente e attendere che il tuo collega abbia finito di parlare.

 

 

La capacità di trovare soluzioni sinergiche è un’altra abilità-chiave, interculturale, e si riferisce alla ricerca di un approccio su misura che non solo soddisfi entrambe le parti, ma si traduca anche in una soluzione più ricca. Ad esempio, se sei abituato ad un ambiente altamente orientato alle attività che aderisce rigorosamente a scadenze e programmi, ma improvvisamente ti ritrovi a lavorare in un ambiente fortemente relazionale, è probabile che a volte potresti faticare a rispettare le scadenze. Fornire un intervallo di tempo per rispettare una scadenza piuttosto che un punto fisso nel tempo, potrebbe essere una soluzione ottimale. In questo caso, la flessibilità è fondamentale quando si tratta di garantire che entrambe le parti soddisfino le proprie esigenze e ottimizzino le prestazioni. Ci sono altri approcci nell’arsenale di un esperto di cultura, come essere in grado di trattenere il giudizio o imparare come la cultura influenza il nostro comportamento. È importante mantenere affilate e pratiche le nostre capacità di cultura. Non è qualcosa che abbiamo, ma qualcosa che facciamo.

 

 

La consapevolezza culturale è molto critica, in particolare quando dobbiamo interagire con persone di culture diverse attraverso pratiche di lavoro virtuali. A volte le differenze culturali sono semplici da gestire, come il cibo o la lingua. Altri, come i sistemi di credenze, richiedono un certo livello di sensibilità. Se sei una persona che associa fortemente l’immediatezza alla sincerità, allora potrebbe essere difficile per te operare in culture ad alto contesto in cui leggere tra le righe è una parte normale del loro approccio comunicativo. Anche gli argomenti relativi all’igiene o alle pratiche educative dei bambini possono colpire ed essere difficili da conciliare. È quindi essenziale riflettere e rendersi conto di come la cultura ci ha influenzato per superare queste sfide e diventare veramente aperti a modi diversi di percepire il mondo.

 

 

Le persone tendono a vivere in una bolla: questa è una metafora della nostra realtà nel mondo – e in questa bolla, pensiamo che i nostri pensieri, ipotesi e percezioni siano originali per noi stessi. La consapevolezza culturale è uscire da questa bolla e rendersi conto che, in una certa misura, la nostra educazione culturale influenza il modo in cui pensiamo e agiamo. Questo è un prerequisito per accettare che i pensieri e i comportamenti degli altri siano validi quanto i nostri perché sono stati ugualmente influenzati dalla loro stessa educazione culturale.

 

 

 

Il mondo continua a crescere man mano che le popolazioni e le culture si evolvono. Sebbene il nostro pianeta sia vasto, i progressi nella tecnologia, nella comunicazione e nei viaggi ci hanno avvicinato geograficamente e culturalmente. Con così tante opportunità di interagire con donne e uomini di ogni ceto sociale, la consapevolezza culturale conta più che mai. La cultura non solo definisce chi siamo, ma influenza anche il modo in cui interagiamo con il nostro mondo. Diventando più consapevoli culturalmente nella nostra vita quotidiana, possiamo godere di interazioni più significative con gli altri rafforzando il nostro senso di sé.

 

 

 

Abbiamo tutti un elenco interno, di quelli che ancora non capiamo, per non parlare di quelli che apprezziamo. Tutti abbiamo pregiudizi, anche pregiudizi, verso gruppi specifici. Nei nostri workshops chiediamo alle persone di riunirsi in coppia e pensare alle proprie speranze e paure nel relazionarsi con persone di un gruppo diverso dal proprio. Le paure di solito includono essere giudicati, problemi di comunicazione e condiscendenza o ferire gli altri involontariamente; le speranze sono solitamente la possibilità di dialogare, imparare qualcosa di nuovo, sviluppare amicizie e comprendere diversi punti di vista. Dopo aver svolto questa attività centinaia di volte, sono sempre stupita di quanto siano simili le liste. In ogni momento in cui abbiamo a che fare con persone diverse da noi, è probabile che portino un elenco simile di speranze e paure nelle loro considerazioni.

 

 

Tutti comunichiamo con gli altri in ogni momento: nelle nostre case, nei nostri luoghi di lavoro, nei gruppi a cui apparteniamo e nella comunità. Non importa quanto bene pensiamo di capirci, la comunicazione è difficile. Pensa, ad esempio, a quante volte sentiamo cose come “Non capisce” o “Non ha sentito davvero quello che volevo dire“. La “cultura” è spesso alla base delle sfide comunicative. La nostra cultura influenza il modo in cui affrontiamo i problemi e il modo in cui partecipiamo ai gruppi e alle comunità. Quando partecipiamo a gruppi, siamo spesso sorpresi di come le persone affrontano il loro lavoro insieme in modo diverso.

 

 

La cultura è un concetto complesso, con molte definizioni diverse. Ma, in parole povere, “cultura” si riferisce a un gruppo o comunità con cui condividiamo esperienze comuni che modellano il modo in cui comprendiamo il mondo. Include i gruppi in cui siamo nati, come il sesso, la razza o l’origine nazionale. Include anche i gruppi a cui ci uniamo o di cui diventiamo parte. Ad esempio, possiamo acquisire una nuova cultura spostandoci in una nuova regione, cambiando la nostra condizione economica o diventando disabili. Quando pensiamo alla cultura in modo così ampio, ci rendiamo conto che apparteniamo tutti a molte culture contemporaneamente.

 

 

 

Le nostre storie sono un pezzo fondamentale delle nostre culture. Le esperienze storiche – sia di cinque anni fa che di dieci generazioni indietro – danno forma a chi siamo. La conoscenza della nostra storia può aiutarci a capire meglio noi stessi e gli altri. Esplorare i modi in cui i vari gruppi all’interno della nostra società si sono relazionati tra loro è fondamentale per aprire canali di comunicazione interculturale.

 

 

 

Cos’è la consapevolezza culturale?

 

 

Per diventare culturalmente consapevole e, idealmente, culturalmente competente – un individuo deve prima definire la consapevolezza culturale. Esistono diverse definizioni di consapevolezza culturale che possono cambiare a seconda del contesto. Ad esempio, un’azienda può definire la consapevolezza culturale nel design del prodotto o le interazioni con i clienti in modo leggermente diverso da come un preside può definire la consapevolezza culturale negli impegni tra insegnanti e studenti.

 

 

Un criterio in cui possiamo definire, in modo ampio, la consapevolezza culturale include il possedere la capacità cosciente di osservare le somiglianze e le differenze all’interno e tra i gruppi culturali. Un altro modo in cui possiamo definirlo è che coloro che sono culturalmente consapevoli sono in grado di riconoscere i modi in cui la loro cultura influenza i loro valori, credenze e giudizi. La consapevolezza culturale comprende anche:

 

  • Comprendere le variazioni intra – culturali

 

  • Capire come si acquisisce la cultura

 

  • Alla ricerca di modi per avere interazioni significative con quelli di un’altra cultura

 

 

Perché è importante conoscere la tua cultura?

 

Per comprendere e accettare culture drasticamente diverse dalla tua, devi essere in grado di identificare gli elementi della tua cultura che appaiono unici nella prospettiva di un altro. La tua consapevolezza culturale personale conta tanto quanto imparare a sviluppare la consapevolezza culturale esternamente.

 

 

 

10 MOTIVI PER CUI LA CONSAPEVOLEZZA CULTURALE È IMPORTANTE

 

Indipendentemente dal numero di culture che compongono il mosaico sociale delle nostre comunità, è importante che tutti noi continuiamo a rafforzare la nostra consapevolezza culturale. La consapevolezza culturale è importante per una miriade di ragioni che hanno un impatto su quasi ogni aspetto della nostra società, incluso il successo nelle nostre carriere, la navigazione nelle interazioni quotidiane e la comunicazione efficace ed empatica con gli altri. Di seguito vengono illustrati 10 motivi per perseguire la consapevolezza culturale.

 

  1. La cultura è il nostro passato, presente e futuro

 

La cultura è legata alla storia dell’umanità e continuerà ad essere un segno distintivo. La cultura guida la nostra crescita come specie e la consapevolezza culturale ha aiutato piccoli gruppi di persone a evolversi in una società ricca di diversità. Per continuare a promuovere le culture esistenti e coltivare nuove sottoculture, dobbiamo dare la priorità all’importanza di una consapevolezza culturale diffusa.

 

 

 

  1. La maggior parte delle società riflette sempre più culture diverse

 

Quando molte persone si guardano intorno, vedono più culture rappresentate nella loro scuola, lavoro o comunità. Per ogni persona che celebra il proprio patrimonio culturale, in modi facilmente identificabili, ce ne sono molti di più che difendono le proprie culture in modo meno pubblico. Man mano che le culture e le sottoculture crescono all’interno di una popolazione, le società devono diventare più consapevoli culturalmente per incoraggiare questi gruppi a unirsi come comunità e celebrare somiglianze e differenze.

 

 

  1. La consapevolezza culturale incide sulla comunicazione

 

Possiamo controllare ciò che diciamo e come lo diciamo, ma non possiamo controllare come un’altra persona interpreta le nostre parole. Gli incidenti di comunicazione sono abbastanza comuni tra coloro che condividono la stessa cultura e lingua madre. Immagina quanto possono essere più diffusi quando comunicano con persone di altre culture che parlano lingue diverse. Diventando consapevole di come i tuoi metodi di comunicazione possono essere tradotti attraverso le culture, puoi identificare i modi migliori per comunicare in modo efficace con un pubblico diversificato.

 

 

  1. La consapevolezza mostra rispetto per le altre culture, anche nel settore Aziendale

 

Parlare a o di individui di altre culture non è l’unico modo in cui possiamo comunicare con questi gruppi. Dovremmo anche dare priorità alla consapevolezza culturale in:

 

  • Iniziative di marketing

 

  • Impegni di parlare in pubblico

 

  • Eventi educativi privati

 

  • Canali attraverso i quali inviamo e riceviamo informazioni tra aziende, consumatori, clienti e le nostre comunità

 

Diventare consapevoli e dimostrare la nostra consapevolezza sostiene rispettosamente le differenze culturali, abbraccia l’integrazione nella nostra società e incoraggia gli altri ad adottare gli stessi gesti di orgoglio e riverenza.

 

 

  1. La mancanza di consapevolezza può portare a una mancanza di rispetto accidentale

 

Al contrario, una mancanza di consapevolezza culturale può portarci a mancare accidentalmente di rispetto ad altre culture. Piccoli passi falsi, anche qualcosa di così insensato come un gesto della mano, possono far sentire un individuo mancato di rispetto se le azioni o le parole hanno un doppio significato in tutte le culture. Coloro che stanno attivamente cercando di aumentare la propria consapevolezza culturale possono comunque commettere errori di comunicazione. Ma coloro che non cercano di aumentare la propria consapevolezza rischiano spesso di mancare di rispetto a coloro con cui potrebbero cercare di connettersi sinceramente.

 

 

 

  1. La consapevolezza aiuta a scoprire un nuovo apprezzamento per ciò che è “diverso”

 

Uno dei modi migliori per esplorare il nostro mondo è attraverso la cultura. Mentre viaggiare è un modo fantastico per conoscere varie culture dalle loro radici geografiche, non abbiamo bisogno di avventurarci lontano per immergerci in nuove culture. La ricerca di culture diverse ci espone a nuova musica, ideologie, film, cibi e storie, dandoci l’opportunità di apprezzare le loro differenze e riconoscere le somiglianze che esistono all’interno della nostra cultura.

 

  1. La consapevolezza alimenta maggiori capacità di leadership

 

Lo sviluppo della consapevolezza culturale può essere vantaggioso per le persone che ricoprono ruoli di leadership o di gestione. Le aziende possono avere culture gerarchiche o egualitarie che richiedono ai leader di prendere decisioni, motivare i dipendenti e diffondere informazioni a una varietà di individui. La consapevolezza culturale può aiutare questi leader a svolgere le proprie responsabilità con una mentalità globale che può aiutare l’azienda a evolversi, raggiungere un nuovo pubblico e garantire che i dipendenti si sentano riconosciuti e apprezzati.

 

 

  1. La consapevolezza può promuovere un posto di lavoro e uno spazio sociale migliori

 

Coloro che ricoprono ruoli di leadership, sia ufficiali che informali, hanno la responsabilità di guidare i loro gruppi e coinvolgere i loro clienti in modo culturalmente sensibile. Ma i leader non sono gli unici ad avere la responsabilità di essere culturalmente sensibili nei gruppi pubblici e privati. Dovremmo tutti cercare di far sentire coloro che ci circondano accettati e rispettati. Promuovendo le culture individuali dei nostri colleghi e amici, promuovendo al tempo stesso le culture sociali e aziendali uniche, possiamo migliorare positivamente la dinamica del gruppo.

 

 

  1. La consapevolezza educa gli altri

 

Che lo riconosciamo o meno, tutte le nostre interazioni lasciano un’impressione sugli altri. Immagina di poter diffondere la consapevolezza culturale incoraggiando gli altri a seguire il tuo esempio. Diventare culturalmente consapevoli e praticare questi tratti può influenzare positivamente gli altri nella tua vita. Una conversazione costruttiva e significativa può aiutare gli altri a diventare più consapevoli dal punto di vista culturale, o almeno incoraggiarli a sfidare le loro visioni del mondo e guardare dentro di sé per esaminare la propria identità culturale.

 

 

  1. La consapevolezza culturale è legata all’autocoscienza

 

Quando discutiamo di consapevolezza culturale, spesso ci concentriamo sugli altri mentre riconosciamo e comprendiamo le visioni del mondo, il patrimonio e i costumi di coloro che sono al di fuori della nostra cultura. Tuttavia, dobbiamo ricordare che la consapevolezza culturale è anche legata all’autocoscienza. Quando ci rendiamo conto che l’apprendimento di altre culture rafforza il nostro senso di sé, scopriamo che la consapevolezza culturale conta molto più di quanto possiamo credere inizialmente.

 

 

Autoconsapevolezza e Consapevolezza Culturale – Come si rafforzano a vicenda.

 

La cultura è inevitabilmente una parte dell’identità. Consciamente e inconsciamente, le culture con cui interagiamo e quelle presenti intorno a noi avranno un impatto su chi siamo e su come ci definiamo in relazione al mondo. Questo influisce sulla nostra autocoscienza. L’autoconsapevolezza può essere definita come la consapevolezza della propria personalità o individualità in relazione alla propria identità.

 

 

Alcuni sostengono che in realtà esistono due tipi di autocoscienza:

 

  • La nostra autocoscienza interna: valuta come ci vediamo nel mondo.

 

  • La nostra autoconsapevolezza esterna: come gli altri nel nostro mondo vedono la nostra individualità in quanto influisce sulle loro stesse esperienze.

 

La consapevolezza culturale e lo sviluppo delle competenze culturali richiedono la comprensione delle convinzioni di coloro con cui condividiamo il mondo. Ciò che molte persone trascurano è che il raggiungimento della competenza culturale implica lo sviluppo della consapevolezza culturale personale. Chiunque può riconoscere le azioni di una persona e formulare i motivi per cui abbraccia una specifica visione del mondo, ma la comprensione di questi motivi richiede prima l’introspezione. Ciò che alcuni potrebbero non rendersi conto è che la consapevolezza di sé può creare una migliore comprensione dell’individuo all’interno di una cultura.

 

Se un individuo lotta per identificarsi con la propria cultura, questa può servire come un’opportunità per scoprire perché esiste quella lotta e come possono incorporare la propria cultura nella propria autocoscienza. La consapevolezza culturale e l’autocoscienza sono collegate: quando diventiamo più in sintonia con la nostra cultura, possiamo rafforzare il nostro senso di sé. E quando comprendiamo la cultura di un altro, possiamo capire meglio il nostro io esteriore

 

RICONOSCERE L’INDIVIDUALITÀ NELLA CULTURA

 

Comprendere le culture in senso generale è solo un’introduzione. Mentre dobbiamo cercare di essere consapevoli dei fattori che rendono unica ogni cultura, non dobbiamo dimenticare gli individui all’interno di queste culture. L’individualità di ogni persona è costruita dalla loro connessione unica con la propria eredità, etnia e identità. Quando adottano o rifiutano elementi della loro cultura, in un certo senso creano una sottocultura, anche se è una sottocultura tutta loro.

 

 

L’apprendimento di altre culture ci consente di comprendere meglio coloro che ci circondano a livello individuale. Prima di poter riconoscere le differenze, simpatizzare con gli stili di vita ed entrare in empatia con esperienze specifiche, dobbiamo avere una comprensione sicura di noi stessi. L’autocoscienza e l’auto-riflessione ci costringono a valutare come la nostra cultura abbia influenzato la nostra identità e visione del mondo. I concetti di assimilazione e integrazione culturale sono difficili da definire veramente, poiché ogni individuo vive la propria esperienza. Tuttavia, possiamo relazionarci in base alla nostra consapevolezza, esperienza e comprensione.

 

 

Adottare misure proattive per diventare più consapevoli della nostra identità e delle identità culturali di coloro che ci circondano ci aiuterà a rafforzare il nostro senso di sé e il senso del nostro posto nella nostra comunità, famiglia e società nel suo insieme. Proprio come la consapevolezza di sé non si sviluppa dall’oggi al domani, la costruzione della consapevolezza culturale richiede pazienza, concentrazione e auto-riflessione.

 

 

FARE I PASSI VERSO LA CONSAPEVOLEZZA CULTURALE OGGI

 

Sviluppare la consapevolezza culturale può essere più facile di quanto immagini. La chiave è intraprendere misure proattive per conoscere altre prospettive culturali e riflettere sulle proprie convinzioni. Con pazienza, equilibrio e perseveranza, puoi superare le idee sbagliate culturali che potresti possedere e rafforzare la tua consapevolezza culturale.

 

 

  1. Determina perché vuoi diventare culturalmente consapevole

 

Per raggiungere un obiettivo, devi prima identificarlo. Sia che desideri migliorare la tua consapevolezza culturale per comunicare in modo più efficace nel tuo lavoro, rafforzare i legami all’interno della tua cerchia sociale, saperne di più sul nostro mondo o persino sviluppare una nuova prospettiva globale per te stesso, qualsiasi motivo sincero è ammirevole.

 

  1. Imparare e praticare la comunicazione interculturale rispettosamente

 

Il modo migliore per imparare la diversità culturale è immergersi in contesti creati o guidati da coloro che si identificano con culture diverse. Invece di guardare film o leggere libri che inquadrano la Cultura A attraverso gli occhi della Cultura B, cerca opere autentiche che celebrino la cultura attraverso le voci di quella comunità culturale. Puoi anche partecipare a gruppi, eventi e workshop che cercano di presentare tutti i membri di una società alle comunità culturali più piccole all’interno di quella società.

 

 

  1. Rifletti sulla tua identità culturale e sui pregiudizi culturali

 

La consapevolezza culturale richiede una riflessione interiore tanto quanto l’osservazione esteriore. Abbiamo tutti una bolla culturale, ovvero un insieme di esperienze e credenze che influenzano la nostra prospettiva culturale. Alcuni aspetti della nostra identità possono essere evidenti, come celebrare la nostra cultura attraverso l’abbigliamento, le celebrazioni e il cibo. Altri aspetti possono essere più inconsci, come il pregiudizio che abbiamo nei confronti di un’altra cultura. Per crescere come individui, dobbiamo identificare e riflettere sulla nostra identità e convinzioni culturali.

 

 

  1. Impara a lasciar andare le credenze pregiudizievoli e a prevenire la creazione di nuove credenze

 

Sfortunatamente, non tutte le nostre convinzioni sono positive. In effetti, molte delle nostre prospettive possono essere dannose per gli altri, anche se queste convinzioni si sono formate a causa della disinformazione. Perché è importante conoscere la tua cultura, compresi i suoi tratti positivi e negativi? Perché non dobbiamo lasciare che le convinzioni prevenute interrompano il nostro tentativo di diventare più culturalmente consapevoli e inclusivi. Imparare a lasciar andare queste convinzioni culturalmente insensibili e permetterci di adottare nuove visioni del mondo consente al nostro senso di sé di evolversi in modi sani.

 

 

  1. Comprendere che lo sviluppo della consapevolezza culturale è un processo continuo

 

Nessuno può risvegliare la propria consapevolezza culturale dall’oggi al domani. Molte persone si ritrovano ad aumentare costantemente la propria consapevolezza culturale rivisitando le credenze e tentando di espandere le proprie conoscenze. Comprendi che devi essere paziente e permettere a te stesso di lasciar andare le idee sbagliate mentre costruisci convinzioni più inclusive.

 

 

Sei modelli fondamentali di differenze culturali

 

In un mondo complesso come il nostro, ognuno di noi è plasmato da molti fattori e la cultura è una delle forze potenti che agiscono su di noi. Gli antropologi Kevin Avruch e Peter Black spiegano l’importanza della cultura in questo modo:

 

    …La propria cultura fornisce la “lente” attraverso la quale osserviamo il mondo; la “logica”… con cui lo ordiniamo; la “grammatica” … da cui ha senso.

 

In altre parole, la cultura è fondamentale per ciò che vediamo, come diamo un senso a ciò che vediamo e come ci esprimiamo.

 

 

Poiché persone di diversi gruppi culturali affrontano l’entusiasmante sfida di lavorare insieme, i valori culturali a volte entrano in conflitto. Possiamo fraintenderci e reagire in modi che possono ostacolare quelle che altrimenti sarebbero collaborazioni promettenti. Spesso non siamo consapevoli che la cultura agisce su di noi. A volte, non siamo nemmeno consapevoli di avere valori o presupposti culturali diversi da quelli degli altri.

 

 

Di seguito sono descritti sei modelli fondamentali di differenze culturali – modi in cui le culture, nel loro insieme, tendono a variare l’una dall’altra. Le descrizioni evidenziano alcune delle cause ricorrenti delle difficoltà di comunicazione interculturale. Quando entri in un dialogo o in una collaborazione multiculturale, tieni a mente queste differenze generalizzate. La prossima volta che ti trovi in ​​una situazione confusa e sospetti che siano in gioco differenze interculturali, prova a rivedere questo elenco. Chiediti in che modo la cultura può plasmare le tue reazioni e cerca di vedere il mondo dal punto di vista degli altri.

 

  1. Diversi stili di comunicazione

 

Il modo in cui le persone comunicano varia ampiamente tra le culture e persino all’interno delle stesse. Un aspetto dello stile di comunicazione è l’uso della lingua. In tutte le culture, alcune parole e frasi sono usate in modi diversi. Ad esempio, anche nei paesi che condividono la lingua inglese, il significato di “sì” varia da “forse, lo considererò” a “sicuramente così”, con molte sfumature intermedie. Un altro aspetto importante dello stile di comunicazione è il grado di importanza data alla comunicazione non verbale. La comunicazione non verbale include non solo espressioni facciali e gesti; coinvolge anche la disposizione dei posti a sedere, la distanza personale e il senso del tempo. Inoltre, norme diverse riguardo al grado appropriato di assertività nella comunicazione possono aumentare i malintesi culturali. Ad esempio, alcuni americani bianchi in genere considerano le voci alzate come un segno che è iniziata una rissa, mentre alcuni neri, ebrei e italoamericani spesso sentono che un aumento del volume è un segno di un’eccitante conversazione tra amici. Pertanto, alcuni americani bianchi possono reagire con maggiore allarme a una discussione rumorosa di quanto farebbero i membri di alcuni gruppi razziali etnici o non bianchi americani.

 

 

 

  1. Atteggiamenti diversi verso il conflitto

 

Alcune culture vedono il conflitto come una cosa positiva, mentre altre lo vedono come qualcosa da   evitare. Negli Stati Uniti, il conflitto di solito non è desiderabile; ma le persone spesso sono incoraggiate ad affrontare direttamente i conflitti che sorgono. In effetti, gli incontri faccia a faccia di solito sono raccomandati come modo per affrontare qualsiasi problema esista. Al contrario, in molti paesi orientali, il conflitto aperto è vissuto come imbarazzante o umiliante; di norma, le differenze si risolvono meglio in silenzio. Uno scambio scritto potrebbe essere il mezzo preferito per affrontare il conflitto.

 

 

  1. Approcci diversi al completamento delle attività

 

Da cultura a cultura, ci sono diversi modi in cui le persone si muovono verso il completamento dei compiti. Alcuni motivi includono un diverso accesso alle risorse, diversi giudizi sulle ricompense associate al completamento delle attività, diverse nozioni di tempo e idee diverse su come la costruzione di relazioni e il lavoro orientato ai compiti dovrebbero andare insieme.

 

Quando si tratta di lavorare insieme in modo efficace su un compito, le culture differiscono per quanto riguarda l’importanza attribuita a stabilire relazioni all’inizio della collaborazione. Un esempio calzante, le culture asiatiche e ispaniche tendono ad attribuire più valore allo sviluppo di relazioni all’inizio di un progetto condiviso e maggiore enfasi sul completamento delle attività verso la fine rispetto agli europei-americani. Gli europei-americani tendono a concentrarsi immediatamente sul compito da svolgere e lasciano che le relazioni si sviluppino mentre lavorano al compito. Ciò non significa che le persone provenienti da uno qualsiasi di questi background culturali siano più o meno impegnate a portare a termine il compito, o apprezzino più o meno le relazioni; significa che possono perseguirli in modo diverso.

 

 

  1. Diversi stili decisionali

 

I ruoli che gli individui svolgono nel processo decisionale variano ampiamente da cultura a cultura. Ad esempio, negli Stati Uniti, le decisioni sono spesso delegate, ovvero un funzionario assegna la responsabilità di una particolare questione a un subordinato. In molti paesi dell’Europa meridionale e dell’America Latina, l’assunzione di responsabilità decisionali in prima persona è molto importante. Quando le decisioni vengono prese da gruppi di persone, la regola della maggioranza è un approccio comune negli Stati Uniti; in Giappone il consenso è la modalità preferita. Essere consapevoli del fatto che le aspettative degli individui sui propri ruoli nel plasmare una decisione      possono essere influenzate dal loro quadro culturale di riferimento.

 

 

 

  1. Atteggiamenti diversi verso la divulgazione

 

In alcune culture, non è appropriato essere franchi sulle emozioni, sulle ragioni di un conflitto o di  un malinteso, o sulle informazioni personali. Tienilo a mente quando sei in un dialogo o quando lavori con gli altri. Quando hai a che fare con un conflitto, tieni presente che le persone possono differire in ciò che si sentono a proprio agio nel rivelare. Domande che potrebbero sembrarti  naturali.  Qual era il motivo del conflitto? Qual è stato il tuo ruolo nel conflitto? Qual è stata la  sequenza degli eventi? Può sembrare invadente per gli altri. Anche la variazione tra le culture           negli atteggiamenti verso la divulgazione è qualcosa da considerare prima di concludere che hai una lettura accurata dei punti di vista, delle esperienze e degli obiettivi delle persone con cui stai lavorando.

 

 

 

  1. Approcci diversi alla conoscenza

 

Notevoli differenze si verificano tra i gruppi culturali quando si tratta di epistemologie, ovvero i modi in cui le persone arrivano a conoscere le cose. Le culture europee tendono a considerare le informazioni acquisite attraverso mezzi cognitivi, come il conteggio e la misurazione, più valide   rispetto ad altri modi di conoscere le cose. Confrontalo con la preferenza delle culture africane per i modi affettivi di conoscenza, comprese le immagini simboliche e il ritmo. Le epistemologie delle culture asiatiche tendono a enfatizzare la validità della conoscenza acquisita attraverso la ricerca  della trascendenza.

 

 

Recenti opere popolari dimostrano che la nostra stessa società sta prestando maggiore attenzione a modi di conoscere precedentemente trascurati. In effetti, questi diversi approcci alla conoscenza potrebbero influenzare i modi di analizzare un problema della comunità o trovare modi per risolverlo. Alcuni membri del tuo gruppo potrebbero voler fare ricerche in biblioteca per comprendere meglio un problema condiviso e identificare possibili soluzioni. Altri potrebbero preferire visitare luoghi e persone che hanno affrontato sfide come quelle che stai affrontando e avere un’idea di ciò che ha funzionato altrove.

 

 

Rispettare le nostre differenze e lavorare insieme

 

Oltre ad aiutarci a comprendere noi stessi e i nostri quadri culturali di riferimento, la conoscenza di questi sei modelli di differenza culturale può aiutarci a capire le persone che sono diverse da noi. Un apprezzamento dei modelli di differenza culturale può aiutarci a elaborare ciò che significa essere diversi in modi rispettosi degli altri, non colpevoli o dannosi.

 

Gli antropologi Avruch e Black hanno notato che, di fronte a un’interazione che non comprendiamo, le persone tendono a interpretare gli altri coinvolti come “anormali”, “strani” o “sbagliati”. Questa tendenza, se assecondata, dà origine a pregiudizi a livello individuale. Se questa propensione è consciamente o inconsciamente integrata nelle strutture organizzative, allora il pregiudizio si radica nelle nostre istituzioni – nelle strutture, nelle leggi, nelle politiche e nelle procedure che modellano le nostre vite. Di conseguenza, è fondamentale che impariamo a controllare la tendenza umana a tradurre “diverso da me” in “meno di me“. Possiamo imparare a farlo.

 

Possiamo anche imparare a collaborare attraverso le linee culturali come individui e come società. La consapevolezza delle differenze culturali non deve dividerci gli uni dagli altri. Non deve nemmeno paralizzarci, per paura di non dire la “cosa giusta”. In effetti, diventare più consapevoli delle nostre differenze culturali, oltre ad esplorare le nostre somiglianze, può aiutarci a comunicare tra loro in modo più efficace. Riconoscere dove sono all’opera le differenze culturali è il primo passo verso la comprensione e il rispetto reciproco.

 

Imparare a conoscere i diversi modi in cui le persone comunicano può arricchire le nostre vite. I diversi stili di comunicazione delle persone riflettono filosofie più profonde e visioni del mondo che sono alla base della loro cultura. Comprendere queste filosofie più profonde ci dà un quadro più ampio di ciò che il mondo ha da offrirci.

 

L’apprendimento delle culture delle persone ha il potenziale per darci un’immagine speculare della nostra. Abbiamo l’opportunità di sfidare i nostri presupposti sul modo “giusto” di fare le cose e considerare una varietà di approcci. Abbiamo la possibilità di imparare nuovi modi per risolvere problemi a cui avevamo rinunciato in precedenza, accettando le difficoltà come “proprio come stanno le cose”.

 

Infine, se siamo aperti a conoscere persone di altre culture, diventiamo meno soli. Pregiudizi e stereotipi ci separano da interi gruppi di persone che potrebbero essere amici e partner nel lavorare per il cambiamento. Molti di noi desiderano un contatto reale. Parlare con persone diverse da noi stessi ci dà speranza e ci stimola ad affrontare la sfida di migliorare le nostre comunità e i nostri mondi.

 

 

 

Linee guida per la collaborazione multiculturale

 

Le domande culturali – su chi siamo e come ci identifichiamo – sono il punto focale di Métissage Sangue Misto, in un’era di diversità e saranno sempre di più al al centro delle nostre discussioni. Quando ci prepariamo a lavorare sulla collaborazione multiculturale nelle nostre comunità, teniamo sempre ben presente queste linee guida aggiuntive:

 

 

  • Imparare dalle generalizzazioni su altre culture, ma non usarle per stereotipare, “cancellare” o semplificare eccessivamente le proprie idee su un’altra persona. Il miglior uso di una generalizzazione è aggiungerla al proprio bagaglio di conoscenze in modo da comprendere e apprezzare meglio altri esseri umani interessanti e sfaccettati.

 

  • Pratica, pratica, pratica. Questa è la prima regola, perché è così che miglioriamo effettivamente la comunicazione interculturale.

 

  • Non dare per scontato che ci sia un modo giusto (il tuo!) per comunicare. Continua a mettere in discussione le tue ipotesi sul “modo giusto” di comunicare. Ad esempio, pensa al tuo linguaggio del corpo; posizioni che indicano ricettività in una cultura potrebbero indicare aggressività in un’altra.

 

  • Non dare per scontato che si verifichino interruzioni nella comunicazione perché altre persone sono sulla strada sbagliata. Cerca modi per far funzionare la comunicazione, piuttosto che cercare chi dovrebbe ricevere la colpa per il disguido.

 

  • Ascolta attivamente ed empaticamente. Prova a metterti nei panni dell’altra persona. Soprattutto quando le percezioni o le idee di un’altra persona sono molto diverse dalle tue, potresti dover agire al limite della tua zona di comfort.

 

  • Rispetta le scelte degli altri sull’opportunità di comunicare con te. Onora le loro opinioni su quello che sta succedendo.

 

  • Fermati, sospendi il giudizio e prova a guardare la situazione come un estraneo.

 

  • Preparati per una discussione sul passato. Usa questa come un’opportunità per sviluppare una comprensione dal punto di vista “dell’altro”, piuttosto che metterti sulla difensiva o essere impaziente. Riconoscere gli eventi storici che hanno avuto luogo. Sii aperto a saperne di più su di loro. L’onesto riconoscimento dei maltrattamenti e delle oppressioni che hanno avuto luogo sulla base della differenza culturale è vitale per una comunicazione efficace.

 

  • La consapevolezza degli attuali squilibri di potere – e l’apertura ad ascoltare le reciproche percezioni di tali squilibri – è necessaria anche per capirsi e lavorare insieme.

 

  • Ricorda che le norme culturali potrebbero non essere applicabili al comportamento di un particolare individuo. Siamo tutti modellati da molti, molti fattori – il nostro background etnico, la nostra famiglia, la nostra istruzione, la nostra personalità – e siamo più complicati di quanto qualsiasi norma culturale potrebbe suggerire. Controlla le tue interpretazioni se non sei sicuro di cosa si intenda.

 

 

Consiglio due testi per approfondire:

 

  • Avruch, Kevin and Peter Black, “Conflict Resolution in Intercultural Settings: Problems and Prospects,” in Conflict Resolution Theory and Practice: Integration and Application, edito da Dennis Sandole and Hugo van der Merwe. New York: St. Martin’s Press, 1993.
  • Nichols, Edwin J., a presentation made to the World Psychiatric Association and Association of Psychiatrists in Nigeria, November 10, 1976.

 

 

INTEGRARE LA CONSAPEVOLEZZA CULTURALE NELLA NOSTRA VITA QUOTIDIANA

 

Le persone diverse hanno valori diversi e queste differenze possono essere amplificate dalla cultura. Per lavorare in modo efficace con persone di altre culture, è necessario comprendere i loro valori.

 

 In Métissage Sangue Misto, riteniamo che i vantaggi della consapevolezza culturale dovrebbero avere la priorità ogni volta che è possibile.  Come generatori di idee e creatori di senso, conduciamo ricerche socio-culturali per stimolare l’approfondimento e la conoscenza  dei valori e, contemporaneamente, informare sul processo di progettazione dei nostri programmi di mentoring. La diversità è la chiave per ciò che ci guida e ci ispira.

 

 

Comprendere il contesto culturale è assolutamente essenziale per la nostra espressione di rilevanza e significato in ogni opportunità di sviluppo e progettazione che incontriamo. La nostra filosofia di lavoro si basa sul Culture-Driven e prospera sull’impollinazione incrociata della nostra creatività e la nostra competenza di mentoring, attraverso culture, discipline coaching e metodologie di interazione.

 

Scoprendo intuizioni che ci portano in nuovi regni del pensiero, aiutiamo le persone a ri-scoprire una consapevolezza assopita dalla fugacità della vita e a generare nuovi percorsi che possano offrire  ai nostri clienti strumenti e risorse che soddisfino le esigenze di stile di vita di una popolazione culturalmente diversificata.

 

 

Sottolineiamo la diversità attraverso il nostro processo di mentoring guidato dalla cultura, integrando la consapevolezza culturale nella progettazione e sviluppo dei singoli programmi. La nostra sensibilità multiculturale garantisce che ogni interazione sia culturalmente appropriato per le esigenze dei nostri Mentee.

 

 

 

Per ulteriori approfondimenti, visita la sezione E-Book+Corsi del nostro sito. Entra in contatto con il nostro team oggi per saperne di più sul nostro processo di affiancamento innovativo e per conoscere le nostre proposte sui  Programmi di Mentoring: [email protected]

 

 

 

 

 

Luisa Wizzy Casagrande, Biracial, Bicultural, Mixed & Matched with an Italian and Nigerian Heritage.

Sono un’imprenditrice seriale, multidimensionale, poliedrica, multipotenziale, con molti interessi e innumerevoli passioni. Non sono programmata per fare solo una cosa nella vita.

Ho una formazione di Antropologia Biologica, Co-Fondatrice e CVO di DOLOMITES AGGREGATES LINK NIG. LTD, investitrice, ricercatrice freelance di studi, cultura, tradizione e patrimonio africani, e fondatrice di Métissage Sangue Misto,  WebMag  e una comunità riservata, basata sui principi dell’intelligenza Emotiva e Intelligenza Culturale, del mentoring e dell’auto-potenziamento dell’identità delle persone Mixed e multiculturali. Mi occupo di Consulenza sulla Diversità Culturale e Developmental Mentoring, sviluppando programmi di mentoring one-to-one, tagliati su misura per singoli individui, Istituzioni Scolastiche, Organizzazioni Multiculturali e Aziende.

Métissage Sangue Misto è stato fondato in Italia, per celebrare e aiutare le persone miste e multiculturali a trovare ispirazione e vivere la propria dualità/pluralità valorizzandole.  IG MBA Métissage Boss Academy , MBA Metissage & Métissage Sangue Misto. , Telegram Channel, e ClubHouse come  @wizzylu), sono spazi sicuri che ho creato, dove navigare con fiducia in una profonda ricerca di sé stessi attraverso piccole grandi scoperte, condividendo l’esperienza del “vivere misto” ed agendo come un ponte tra due (o più) culture.

Archivio